Intervista a El Manuelito

INTERVISTA A EL MANUELITO

T: Manuel Pagnini detto El Manuelito classe ’97 vincitore della terza selezione della jam For Grow 2018 e finalista dell’edizione finale della stessa jam. Rapper che fa il suo esordio musicale con “Macedonia ep” raggiungendo oltre 20mila ascolti tra YouTube e Spotify in meno di un mese.

Tra tutti quelli intervistati fino ad ora forse tu sei il più moderno, un rapper dell’ultima generazione potremmo dire. Come ti sei affacciato quindi a questa scena?

M: Beh ti dico, io prima dei tredici/quattordici anni non sapevo niente di rap… forse anche fino a 15. Poi con i vari eventi che si sono sviluppati a Pesaro ho iniziato a sentire le prime battle e mi hanno gasato troppo! Parole a caso che però avevano un senso, punch, metrica… geniale! Quindi ho deciso di entrare nel giro ed ho iniziato come freestyler, perché era quello che mi appassionava, non il rap in sé e per sé. Ad un certo punto però è arrivato Fibra, le sue canzoni mi sono piaciute a tal punto che ho deciso di scrivere anche io iniziando a ricercare altri rapper che potessero sia incoraggiarmi che indirizzarmi da un punto di vista musicale come ad esempio nel caso di Lazza e Nait perché mi sono rivisto nel loro stile tra il cantato ed melodico che secondo me rappresenta al meglio la mia natura musicale, il mio genere.

 

T: Cos’è invece che ti ha spinto a fare rap?

M: Ti dico le cose più importanti. La prima essenzialmente è che mi piace e vorrei farne un lavoro perché in quel caso per me sarebbe divertirsi e non lavorare, il secondo è economico… siamo onesti, se devo cantare in cameretta evito di pubblicare cose per cui vorrei anche un ritorno economico. Più che per me lo vorrei però per una soddisfazione personale, così potrei mostrare ai miei che non sono solo un fattone ma che faccio questo per un motivo, che ci credo e che vengo ricambiato per questo!

 

T: Siccome sei appunto il primo rapper della newschool che intervistiamo, secondo te è giusto distinguere tra rap e trap?

M: La distinzione in realtà per me c’è e non c’è. Il rap è lo stile da cui nasce, la base, quindi è ovvio che se dovessi parlare di rap come deve essere, nella sua purezza, ti parlerei di quello da Fibra o Claver Gold. Poi però già se parliamo di Caparezza si va a parlare di un genere che non è definibile in realtà, perché secondo me lo ha inventato lui stesso. Quindi se dovessi distinguerli direi che il rap è l’old school che tutti conosciamo mentre la trap è la sua innovazione. Qualcosa che non c’era prima e che ora c’è, poi può piacere o non piacere ma per me è una visione moderna del rap con beat e metriche più attuali, non si punta più sul dire qualcosa e portare un contenuto con la stessa intensità di prima magari, però si presta più attenzione a metrica e flow.

 

T: In freestyle invece? Mi dicono che te la cavi.

M: Sì dai, così dicono ah!ah!ah! Magari più ai tempi d’oro che oggi dove penso di aver perso un po’ la mano. Inizialmente mi hanno conosciuto così, anche perché facevo solo quello. Non scrivevo niente, anzi il mio sogno era solo di fare freestyle.

Sicuramente devo riconoscere che per quello che faccio oggi ha rappresentato però un grandissimo aiuto a livello di scrittura perché ti si apre la mente molto più rispetto a chi rappa e non lo fa. Ciò non vuol dire che chi non lo fa non migliora ma almeno per me è così, inoltre ti dà la possibilità di esprimere ciò che pensi e provi nello stesso momento.

 

T: Per quanto riguarda i testi invece hai iniziato con “È finita l’estate” che è stato il testo con il quale hai iniziato a vivere la scena e poi mesi dopo sei uscito a San Valentino con “Macedonia ep” tra cui “Ti volevo dire”che ha spopolato in maniera incredibile, ha superato 12mila ascolti su Spotify, cosa ne pensi di ciò? Di questo salto in avanti quasi improvviso forse?

M: Mah guarda, penso che la canzone abbia fatto il botto perché anche se non sono di quel mood sono riuscito a rivedermi lo stesso molto e infatti adesso sto cercando di unire quello stile lì con la trap anche se è difficile. Però mi ha comunque dato una bella spinta verso la mia strada musicale. Quello che penso è che sicuramente bisogna farsi vedere più che come rapper anche come una brava persona e penso che la gente l’abbia capito con “Ti volevo dire”. Lo noto, le mie canzoni mi hanno dato una grande mano e le persone ora che conoscono il mio carattere mi appoggiano molto di più, quindi penso che il successo sia dovuto anche al supporto che mi hanno dato tutti loro sia di persona che sui social.

Poi comunque i numeri significano fino ad un certo punto, è solo una motivazione che mi dice di continuare a farlo perché ce la posso fare ed è soltanto l’inizio .

Non ho avuto poi così tante visualizzazioni se confrontato ai grandi numeri della scena rap anche solo italiana, ma per me sono veramente tante rispetto a quello che mi aspettavo e quindi mi spronano a continuare.

 

T: Un album invece quando?

M: Eh bella domanda, sicuramente lo farò ma più avanti. Per ora vorrei andare solo di singoli per poi uscire con un album perché in questo momento comunque ancora non sono nessuno ed ho notato che se fai un ep o un album alla fine si risalta solo il pezzo migliore tra tutti, quindi ho paura che sbattendomi per sette canzoni ne venga vista solo una che magari è veramente la più bella, però rischia poi di sminuire le altre.

Quindi volevo continuare ad attirare l’attenzione con i singoli e poi uscire con un album.

Ne ho già uno pronto, in realtà due. Uno molto trap mentre il secondo mantiene lo stile di “Ti volevo dire”. È solo questione di tempo.

 

T: Invece un parere sugli emergenti già noti? Chi preferisci e perché?

M: Beh tra tutti direi sicuramente Mattak perché riesce a fare tutto, dal rap alla trap, e lo fa benissimo! Metricamente è un mostro, un fenomeno. Per me è indiscutibile. Un altro poi che seguo da poco ma che ho iniziato a seguire intensamente è Leon Faun che fa qualcosa di simile a me ovvero trap mischiata con il melodico e quindi lo sto considerando sempre più ultimamente.

Poi vabbè Supreme ma non è un emergente, lui non fa, lui è la trap.

 

T: Bene, ora siamo giunti alle tre solite domande prima dei saluti. Partiamo subito… Rapper e canzone preferiti

M: Allora questa è dura, è sempre stato Fibra per me ma in ‘sto momento Dani Five è il mood che più mi piace ed io vado molto a periodi, per cui ora ti dico lui, ma domani potrei già cambiare idea ah!ah!ah! La mia canzone preferita è ancora più difficile, ce ne sono tante, adesso addirittura sto finendo ad innamorarmi delle canzoni spagnole quindi sono davvero indeciso… se te ne devo dire una ti direi una canzone di Shiva “Ragazzi Miei” oppure “La città”di Mostro ma anche “m12ano” di Supreme e Mara Sattei… ah!ah! ah! Mi dispiace ma una sola proprio non riesco! È impossibile!

 

T: Passiamo alla prossima allora, con chi faresti un feat? Puoi dirmene uno impossibile e uno italiano…

M: Mmmm… impossibile farei un feat con Ed Sheeran perché melodicamente è fantastico, canta in maniera assurda e per me sarebbe un onore o vabbè… andrebbe bene anche Supreme perché è un esempio per me. A 20 anni avere il successo che ha avuto e aver rinnovato la trap in Italia… cioè, puoi solo fargli un applauso e complimentarti.

Italiano invece con Fibra… assolutamente! Perché non sono solo cresciuto con lui ma mi ha fatto anche crescere. È il sogno della vita. Uno più fattibile sennò sarebbe Frah Quintale magari che è quello con il flow più simile al mio.

 

T: Invece cosa consiglieresti a chi inizia adesso?

M: Gli consiglierei quello che forse consiglierebbe ogni rapper ad un emergente… sii te stesso! Non farti influenzare da amici o da chi ti dice che non gli piace quello che fai. Perché se piace a te e sei convinto di quello che fai, una volta che non sei influenzato da nessuno vedrai che prima o poi alla fine piacerà a tutti. Se lo fai insomma lo devi fare perché ti piace, punto e basta!

 

Teobaldo Bianchini

 

italiana musica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: