Categoria: storytelling e racconti brevi

Una quarantena spaziale

Marzo 2050 Vi scrivo dalla navicella spaziale VDG0027 che orbita intorno allo spazio terreste da tredici giorni, esattamente da quando un virus mortale ha invaso il pianeta. Ci hanno fatto evacuare nello spazio, in delle navicelle che sono state assegnate casa per casa. Era un giorno come un altro, quando all’improvviso alle sei del mattino…

Continua a leggere Una quarantena spaziale

Venti(quattro)

MATTINA Mi sono alzato tardissimo e sono in ritardo per lezione. Stamattina avevo il prosciutto negli orecchi: la sveglia ha suonato a lungo senza, poverina, venire minimamente considerata. Poco importa. Mi vesto al volo e mi fiondo giù dalle scale; all’angolo di via Bolognese e piazza dell’Unità c’è il bar che preferisco della zona. È…

Continua a leggere Venti(quattro)

Agio

Le mie dita battono ritmicamente sulla tastiera. Produco, anzi, scrivo sotto dettato della mia coscienza. Lei dorme sul letto, assorta, il suo volto non dipinge sorrisi, lascia trasparire tutt’al più stanchezza. Se solo sapesse quali mostruose figure albergano nella mia mente, non si sarebbe certo concessa. Più probabile che sappia in realtà cosa abbia dentro…

Continua a leggere Agio

Dark Bologna, maggio 2017

La mia coinquilina C. mi regala due prevendite per un evento techno alla terrazza del Teatro Comunale di Bologna.  Ci vado con G., passa in bici sotto casa mia e andiamo assieme. Siamo cariche, sappiamo che faremo la il pre serata e che dopo tanto si va a casa di Marians –le sue feste sono…

Continua a leggere Dark Bologna, maggio 2017

Diario di bordo Grecia-Punta Ala

Mi chiamo Cesare, ho 20 anni e studio giurisprudenza all’università di Bologna. Questo è il diario di bordo di un viaggio in barca a vela dalla Grecia alla Toscana. Ho cercato di documentare al meglio delle mie possibilità le emozioni vissute e le difficoltà incontrate, lasciandomi spesso andare a riflessioni personali che rappresentano il punto…

Continua a leggere Diario di bordo Grecia-Punta Ala

Il confessore

Non so dire esattamente quando tutto è cominciato. Da piccolo mi divertivo un mondo ad afferrare il naso delle persone e a tirarlo, in realtà volevo strapparlo via per sapere cosa ci fosse sotto. Già a quell’età ero convinto che la pelle fosse un semplice sacchetto destinato a contenere quell’insalata mista scondita che chiamiamo corpo.…

Continua a leggere Il confessore