Categoria: letteratura

Naked lunch

“Naked lunch” (tradotto in italiano come “Pasto nudo” o “Il pasto nudo”) è un’opera scritta da William Burroughs, scrittore statunitense attivo nella seconda metà del secolo scorso, pubblicata nel 1959.È un’opera caratterizzata da una pressoché totale assenza di trama, di dialoghi logicamente connessi fra loro e di caratteri. Un pasticcio più che un pasto, insomma.…

Continua a leggere Naked lunch

La poesia “per antipatia”: l’ultimo Magrelli (e il ricordo di Sanguineti)

  La vena polemica e un taglio beffardo; l’io esasperato e una corporalità provata da un “organismo difettoso” – come si autodefinisce, ironicamente ma non troppo, Valerio Magrelli – sono le coppie minime necessarie e costanti dell’ultima produzione dell’infaticabile intellettuale, poligrafo, poeta e professore di Letteratura francese: un impagabile dono all’editoria contemporanea, Il commissario Magrelli…

Continua a leggere La poesia “per antipatia”: l’ultimo Magrelli (e il ricordo di Sanguineti)

Intervista

“Dover dimostrare qualcosa continuamente significa che sotto sotto non ci sia poi niente da dimostrare” Sovente il vero potente non risiede in una reggia sfarzosa. L’otto volte Presidente del Consiglio Giulio Andreotti, interpretato magistralmente da Toni Servillo nel film “Il divo” di Paolo Sorrentino, risiedeva, come nella realtà, in un normalissimo appartamento nel centro storico…

Continua a leggere Intervista

Incipit

Premessa: non sono un critico letterario, non sono uno scrittore, non sono un teorico. Quanto leggerete, sarà solo il frutto della mia esperienza e del dettato della mia coscienza, niente di più.   MOBY DICK (Herman Melville, 1851) Call me Ishmael. (“Chiamatemi Ismaele”) È uno degli incipit più diretti, profondi e laconici della storia della…

Continua a leggere Incipit

Viver come bruti

PREMESSA Quest’articolo non vuole e non può pretendere di essere completamente esatto o di validare ogni dato presentato. Ciò non è possibile, perché l’autore non ha le competenze sufficienti per giudicare con chiarezza, profondità e scientificità quanto esposto. Tuttavia, egli sente di poter esprimere la propria opinione in merito, pur tentato dalla superficialità e dalla…

Continua a leggere Viver come bruti

RECENSIONE “BASTOGNE”

  Pubblicato da Enrico Brizzi nel 1996, questo romanzo racconta la storia di quattro squinternati in una Nizza molto bolognese degli anni ’80. Non avete frainteso proprio nulla: l’autore di fatto ha deciso di sradicare le vite di figure a lui –da bravo bolognese– ben note e di trapiantarle lontano, forse per sentirsi meno in colpa, forse per aver il coraggio di raccontare tali…

Continua a leggere RECENSIONE “BASTOGNE”

Brave new orange

Per capire adeguatamente la critica nei confronti dello Stato, tema sotterraneo ma fondamentale nell’opera magna di Anthony Burgess (“Clockwork orange”), è bene analizzare l’ambiente in cui visse l’autore. Ancora una volta, è il suolo inglese il terreno dove si svolgono le vicende del romanzo e quelle del suo autore.  L’Inghilterra degli anni 60’ è una nazione in piena crisi…

Continua a leggere Brave new orange

Nelle mani giuste

Seguito di “Romanzo Criminale” (pubblicato nel 2002, monumentale affresco di un’Italia violenta e torbida che forse non c’è più e forse c’è ancora), lo scrittore tarantino riesuma tre dei personaggi più riusciti del romanzo succitato. C’è ancora Scialoja, delfino e complessissimo servitore dello Stato. C’è Patrizia/Cinzia, rivestita di un nuovo ruolo ambiguo quanto la sua…

Continua a leggere Nelle mani giuste